fare spazio,
inventare
condivisione
fò lögu,
inventò
cundivixun

Tunèa è un progetto di rigenerazione territoriale a base culturale dedicato alla riscoperta del legame collettivo di Carloforte con la sua tonnara. Partendo da un’indagine antropologica e socio-visuale, il progetto riapre gradualmente gli spazi dismessi della Tonnara alla fruizione pubblica attraverso attività di co-progettazione e autocostruzione realizzate insieme alla popolazione

La modalità con cui il progetto Tunèa si sviluppa è un processo creativo in 
cui residenze artistiche, laboratori, workshop e performance coinvolgono attivamente la comunità nella realizzazione di un percorso di fruizione fisico e culturale delle tonnare, e nella definizione di possibili modalità di gestione degli spazi di comunità. Tutte le attività sono fortemente interconnesse, si sviluppano per fasi e riattivano di volta in volta spazi diversi.

scopri il progetto

apriamo la tonnara
arvimmu a tunèa



→ La tonnara dismessa di Carloforte apre le porte ai visitatori.
Tutte le attività sono gratuite.

Scarica il programma




3 giugno

ore 17 – 18
⟶ Architettura / Natura / Comunità
Sotto un Cielo di Reti / Deriva in Tonnara
Le tonnare dismesse si aprono alla comunità
a cura di Patrizia Di Monte

Ad aprire gli spazi della Tonnara dismessa sarà, venerdì 3 giugno, l’intervento di rigenerazione ideato da U-BOOT Lab. Al suo interno si inserisce l’installazione ‘Sotto un cielo di reti’, nata dall’esperienza di scambio di Patrizia Di Monte con la popolazione di Carloforte.

 

ore 18 – 20
⟶ Danza
Calar Tonnara – Studio #1
Workshop / Performance di danza
a cura di Ambra Zambernardi

Ad animare tutte le giornate in tonnara, dalle 18 alle 20, sarà anche la performance di danza Calar tonnara – Studio #1 di Ambra Zambernardi: un lavoro di ricerca e creazione artistica sul tema, al contempo carlofortino e mediterraneo, delle tonnare. Vi aspettiamo per partecipare.

 

ore 19 – 23
⟶ Mangiare a miglio 0
Sapori di Tonnara
cibo e vino da gustare in tonnara
a cura di Il pranzo è servito

 

ore 20 – 21:30
⟶ Talk
Tunèa: uno spazio condiviso per la riconnessione della comunità di Carloforte alla Tonnara
Maria Pina Usai – DICAAR Unica e U-BOOT Lab
dialoga con

Alessandro Toscano – fotografo e artista visuale
Ambra Zambernardi – antropologa e danzatrice
Patrizia Di Monte – architetta
Fiorella Rizzo – architetta
Pierangelo Rombi, Zèma
Andrea Luxoro, Saphyrina
Nicoletta Piras, FLAG SO
introduce: Tore Puggioni – Sindaco di Carloforte 

 

ore 21:30 – 23:30
⟶ Cinema
Il presagio del ragno
prima della proiezione
Andrea Contu – La Fabbrica del Cinema / Società Umanitaria CSC Carbonia

dialoga con
il Ràis Luigi Biggio e il regista Giuseppe Casu

4 giugno

ore 10 – 12
⟶ Comunità
Alla Ricerca del Braccio di Re Carlo
Caccia al tesoro con i bambini di Carloforte
a cura di Alessandro Toscano e Simone Petrucci

 

ore 11 – 13
⟶ Architettura / Natura / Comunità
Visita alle Tonnare dismesse
a cura di Donatella Ritzu

 

ore 12 – 13 / 17 – 21
⟶ Arte
La camera del mare
Installazione artistica di Alessandro Toscano

Dopo un laboratorio dedicato ai più piccoli della comunità di Carloforte, il 4 giugno il progetto di Alessandro Toscano ci catapulta in una caccia al Tesoro con approdo le antiche tonnare dismesse, dove scopriremo assieme l’installazione la “Camera del Mare”.

 

ore 17 – 18
⟶ Architettura / Natura / Comunità
Passeggiata botanica in Tonnara
a cura di Mirko Melis

 

ore 18 – 20
⟶ Danza
Calar Tonnara – Studio #1
Workshop / Performance di danza
a cura di Ambra Zambernardi

 

ore 19 – 23
⟶ Mangiare a miglio 0
Sapori di Tonnara
cibo e vino da gustare in tonnara
a cura di Il pranzo è servito

 

ore 20 – 21:30
⟶ Talk
Fare spazio: la cultura rigenera i luoghi
Efisio Carbone / MACC Calasetta
dialoga con

Linda Di Pietro – BASE Milano
Paola Serrittu – Landworks
Susanna Mannelli – Bötti du Shcöggiu
Maurizio Lai – Occhio ETS
Marina Fanari – DICAAR UniCa e U-BOOT Lab
Paolo Sanjust – FAC2020 UniCa 

 

ore 21:30 – 23:30
⟶ Cinema
Diario di Tonnara
prima della proiezione
Gianfranco Cabiddu – Festival Creuza de Mà
dialoga con

l’architetta Fiorella Rizzo e il regista Giovanni Zoppeddu

5 giugno

ore 11 – 13
⟶ Architettura / Natura / Comunità
Visita alle Tonnare dismesse
a cura di Donatella Ritzu

 

ore 11 – 13 / 17 – 21
⟶ Arte
La camera del mare
Installazione artistica di Alessandro Toscano

 

ore 17 – 18
⟶ Architettura / Natura / Comunità
Visita alla Tonnara in LIS
a cura di Francesca Brai

 

ore 18 – 20
⟶ Danza
Calar Tonnara – Studio #1
Workshop / Performance di danza
a cura di Ambra Zambernardi

 

ore 19 – 23
⟶ Mangiare a miglio 0
Sapori di Tonnara
cibo e vino da gustare in tonnara
a cura di Il pranzo è servito

 

ore 20 – 22
⟶ Talk
Inventare condivisione: tonnare dismesse, un futuro possibile
Emanuele Piccardo / Archphoto
dialoga con

Ester Cois, Marco Cadinu, Pier Francesco Cherchi, Maurizio Memoli – DICAAR UniCa
Maria Pina Usai – DICAAR UniCa e U-BOOT Lab
Viviana Pasquini – DiSVA UniCa
Massimo Mancini – Teatro di Sardegna
Stefano Rombi – Comune di Carloforte

 

ore 22 – 23
⟶ Musica
Live set 
a cura di 
Matteo Leone e Matteo Dessì

Alla ricerca del braccio di Re Carlo

Laboratorio creativo per bambini
di Alessandro Toscano con Simone Petrucci (Bittalab) e Maria Vittoria Durante
2/3 e 9/10 Aprile 2022, dalle 17 alle 19, Exmè, Carloforte

 

———–
Alessandro Toscano
Fotografo e artista visuale, concentra la sua ricerca sullo studio del paesaggio in relazione a tematiche socioculturali, politiche ed economiche. Laureato in Comunicazione alla Sapienza di Roma con una tesi etnografica in antropologia visuale, insieme alla sua ricerca personale si dedica alla fotografia editoriale.

Sotto un cielo di reti

Laboratorio di co-progettazione sulla tonnara
con Patrizia Di Monte e Ignacio Grávalos (Gravalosdimonte Arquitectos)
Tutor Fiorella Teresa Rizzo
19 – 24 Aprile 2022

19 Aprile – Presentazione – dalle 18:00 alle 20:00, Exmè, Carloforte
20 Aprile – Camminata in Tonnara – dalle 17:00 alle 19:00, partenza ex New Marlin Club, Carloforte
21/22 Aprile – Raccolta Storie – dalle 16:00 alle 19:30, Museo del Mare, Carloforte
23 Aprile – Costruzione del Racconto – dalle 16:00 alle 19:30, Museo del Mare, Carloforte
24 Aprile – Definizione progetto – dalle 16:00 alle 19:30, Tonnare Piam, Carloforte

 

———–
Patrizia Di Monte
Architetto IUAV, Fellowship del Governo Italiano, Master e Phd presso ETSAB-UPC, sviluppa progetti multidisciplinari che spaziano dall’ arte all’architettura, paesaggio, spazio pubblico, architettura partecipativa, urbanistica sostenibile e creatività dirompente. Patrizia è fondatrice dello studio gravalosdimonte arquitectos in Spagna insieme a Ignacio Grávalos.

Fiorella Rizzo
Laureata in Architettura presso l’Università degli studi di Genova con una tesi sul recupero e riuso della tonnara di San Giuliano a Trapani, ha conseguito il Master ‘Imprenditorialità nel settore creativo per i beni culturali del Dipartimento di Economia dell’Università di Genova, Collabora con il Castello D’Albertis Museo delle Culture del Mondo di Genova e con Le strade di Trapani.

Calar Tonnara – Studio #1

Laboratorio di danza sulla tonnara 
con Ambra Zambernardi
dal 19 al 24 Aprile 2022

dal 19 al 22 Aprile – dalle 16:00 alle 19:30
dal 23 al 24 Aprile – dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 19:30

Museo del Mare
Loc. Tacca Rossa, Carloforte.

 

———
Ambra Zambernardi 
Antropologa e danzatrice, ha conseguito il dottorato di ricerca (Ph.D.) in scienze antropologiche presso le Università di Torino e di Siviglia, con un progetto sulle ultime tonnare attive nel Mediterraneo, approfondendo il caso studio delle Tonnare di Carloforte. Attualmente è docente a contratto in Antropologia del Mediterraneo all’Università di Torino. Lavora come danzatrice, performer, insegnante e coreografa ed è coautrice o interprete di una ventina di produzioni.

il progetto
u prugettu


Cos’è / Cusse l’è

Il nome del progetto è tonnara in tabarchino, il dialetto di origine ligure parlato dagli abitanti di Carloforte, arrivati sull’Isola di San Pietro da Tabarka, in Tunisia, nel 1738. Tonnara come il tradizionale sistema di reti utilizzato fin dai fenici nel Mar Mediterraneo per la cattura del thunnus thynnus, tonnara come il complesso architettonico in cui il Rais coordina la ciurma nella preparazione della pesca e in cui il tonno viene lavorato dopo la mattanza, tonnara come la pratica che ha impresso nel lessico dell’isola espressioni e modi di dire.

 

Perchè

Fino a trent’anni fa la vita dei Carlofortini era strettamente legata alla sua tonnara, che per secoli ha rappresentato un patrimonio economico rilevante per la comunità. Tra aprile e giugno molte famiglie vi si trasferivano per partecipare alle operazioni di pesca, alla lavorazione del tonno e all’inscatolamento, e nel resto dell’anno gran parte della popolazione era impegnata nella preparazione delle attrezzature. Col tempo il mercato ittico è cambiato, le fasi di lavorazione sull’isola si sono ridotte, e nonostante una parte della tonnara sia oggi ancora attiva, unica tonnara fissa del Mediterraneo, l’altra metà è dismessa, e la sua connessione con la comunità interrotta.

 

Scopo / Scóppu

Obiettivo del progetto Tunèa è sviluppare un processo condiviso finalizzato alla valorizzazione delle tonnare nella loro accezione di patrimonio identitario comunitario, immateriale e materiale, all’interno del quale produzione culturale e industriale possano coesistere e alimentarsi vicendevolmente.

Finalità del progetto è la riorganizzazione di alcuni spazi inutilizzati e la riapertura degli stessi come luoghi di comunità, aperti alla popolazione.

 

Come / Cumme

La modalità con cui il progetto Tunèa si sviluppa è un processo creativo in cui residenze artistiche, laboratori, workshop e performance coinvolgono attivamente la comunità nella realizzazione di un percorso di fruizione fisico e culturale delle tonnare, e nella definizione di possibili modalità di gestione degli spazi di comunità. Tutte le attività sono fortemente interconnesse, si sviluppano per fasi e riattivano di volta in volta spazi diversi.

Le prime fasi di ricerca sul contesto sono state avviate da U-BOOT Lab nel 2021 grazie a un primo contributo erogato dalla Fondazione di Sardegna, e si sono concretizzate nella residenza di un fotografo e artista visuale, nella ricerca sulla flora attorno alla tonnara da parte di un paesaggista, nel coinvolgimento di una ricercatrice nell’ambito dell’antropologia marittima. A luglio la tonnara si è aperta al pubblico per una sera, durante la quale attraverso visite guidate, letture, suggestioni sonore, e un dialogo aperto tra artisti e ricercatori con il Rais, abitanti e visitatori hanno rivissuto i suoi spazi in forma di racconto e esperienza diretta.

 

Grazie / Grassie

A ottobre dello stesso anno Tunèa si è classificato tra i vincitori dell’avviso pubblico Creative Living Lab – 3 edizione, promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura, finalizzato a sostenere progetti multidisciplinari di innovazione sociale, dedicati alla riqualificazione di spazi di prossimità all’interno di aree territoriali periferiche attraverso il coinvolgimento attivo dei cittadini.

Tunèa è un progetto curato da U-BOOT Lab, in collaborazione con il Comune di Carloforte, il FLAG Sardegna Sud Occidentale, OCCHIO ETS, Saphyrina e Zéma.

chi siamo
chi sémmu

Maria Pina Usai

Direzione Artistica

Architetto, Dottoranda al DICAAR Università di Cagliari, lavora sul paesaggio costiero con approccio trans-disciplinare. Ha lavorato con la Conservatoria delle coste, è cofondatrice di U-BOOT Lab, MEDSEA e Zones Portuaires.

Alessandro Toscano

Coordinamento Organizzazione

Fotografo e artista visuale, si concentra sul tema dello spazio inteso come luogo di comunità, relazioni, dinamiche socioculturali, politiche ed economiche. Collabora con i principali magazine italiani ed esteri su temi di politica, lavoro, economia, ambiente e cultura.

Luca Spano

Coordinamento Comunicazione

Artista cross-disciplinare, ha studiato comunicazione, antropologia e arte in Europa e Stati Uniti. È stato codirettore di NYC Creative Salon a New York ed è ideatore di OCCHIO Lab in Italia.

Marina Fanari

Segreteria Organizzativa

Ingegnere edile-architetto, dottoranda presso il DICAAR, Università di Cagliari, si occupa di spazio pubblico e sordità, nel 2020 ha preso parte alla realizzazione del FAC2020. Dal 2021 socia di U-BOOT Lab.

Maurizio Lai

Coordinamento Comunicazione

Digital strategist e media manager con formazione umanistica. Collabora con soggetti pubblici e privati per la pianificazione e lo sviluppo in ambito culturale e turistico. Co-fondatore di OCCHIO Lab.

contattaci
cuntatti



Email info@tunea.it
Instagram @tunea.it
Facebook fb.me/tunea.it